Incontriamo Gérôme Bourdezeau alla stazione di Roma Termini. Scalo per lui obbligato nel tragitto Grottaferrata-Tarquinia, dove hanno sede i due cinema che gestisce con Dominique Battesti. La voglia di conoscere questo duo è forte, non solo per il Premio Lizzani 2017 come esercenti più coraggiosi, ma anche perché conoscono direttamente la realtà francese.

Gérôme è appunto di origine transalpina ed è arrivato inizialmente in Italia come studente Erasmus. Nel 1997 ci ritorna per lavorare a Dechatlon (“lo sport è una mia grande passione”) prima di entrare in UGC CineCiItalia nel 2004 e diventarne nel 2009 direttore operativo della filiale italiana UGC.

Quando UGC-Europa vende il suo pacchetto di sale “Italia (saldo positivo) + Spagna (in forte perdita)” a UCI, Gérôme e Dominique rifiutano di rientrare a Parigi o di restare in Italia per UCI. Decidono di provare un progetto più personale: riaprire due cinema chiusi, uno a Grottaferrata e l’altro a Tarquinia.

Uno dei suoi cavalli di battaglia è “una multiprogrammazione sulla base dei bisogni del pubblico”. Non passano più 4 film su 4 sale ma, se non ci sono titoli forti, si può arrivare anche 8 o più film. Così da aumentare l’offerta e le proposte. Ma non ci sono regole nella multiprogrammazione: si valuta volta per volta, in base al film” con i distributori.

Gérôme fa un lavoro intelligente e rispettoso delle parti (“raramente smonto film alla prima settimana. Non facciamo terrorismo”) coltivando così una clima di fiducia reciproca. I risultati pagano: “Tarquinia è stato un laboratorio vicino e allo stesso momento lontano da Roma. Abbiamo sempre avuto in questi primi anni un differenziale di +8/15% rispetto al trend nazionale.

Altro pilastro è restituire il potere di critica al pubblico. Con l’iniziativa “Anteprime al buio” gli spettatori vengono a vedere un film sconosciuto (pratica che Nicola organizzava anche nel suo cinema francese). Sono opere sorprendenti e che possono toccare comunque un grande pubblico. A fine film lo spettatore può compilare a caldo un piccolo questionario sul film. L’iniziativa piace molto sia in sala sia al distributore, che può avere un feed-back prima dell’uscita del film.

Le sale di Gérôme e Dominique sono aperte anche al pomeriggio (in paesi di 20.000 e 16.000 abitanti); una “valenza importante”, come luogo di aggregazione e per toccare un altro pubblico. Come nel periodo natalizio quando il cinema è aperto tutte le mattine. Forte l’apertura anche verso le scuole: alla riapertura Gérôme ha contattato le scuole di Grottaferrata e ha scoperto che avevano prodotto un video. Ha invitato tutte le 4e e 5e elementari coinvolte a vederlo in sala (conversione del file in dcp).

A Tarquinia, il cinema Etrusco è diventato avamposto per la Film Commission, facilitando le riprese di film. Per la città significa nuovi contratti di lavoro (la troupe deve preferire comparse/maestranze in loco) e per la sala è negoziata un’anteprima con il cast a film terminato. Dopo dieci anni senza film a Tarquinia, nel 2016 sono state girati due lungometraggi.

Salutiamo Gérôme e partiamo in direzione Napoli. Passiamo a visitare il cinema Alfellini, con il suo personale molto accogliente e sale sono moderne e confortabili. Sopra la cassa, un cartellone sensibilizza il pubblico ai buoni comportamenti in sala con frasi divertenti. Nel corridoio, di fronte alle promo 3D cartonate degli ultimi blockbuster ci sono delle immagini di film/personaggi della storia del cinema.

Di solito scopriamo i cinema e gli esercenti nello stesso momento; ci è strano vedere la struttura dopo aver parlato per un’ora con Gérôme del suo modo di vedere l’esercizio. Le sue idee sono rispecchiate in questa sala moderna e molto accogliente, ma che non nasconde (già dal nome) la sua storia, creando un ponte tra antico e moderno, tra grande pubblico e cinefili.

❤ Multiprogrammazione

❤Anteprime al buio”

❤ Un vademecum dello spettatore per sensibilizzare ai buoni comportamenti in sala

❤ Consigli di film agli spettatori con l’etichetta “Imperdibili”

❤ Cinema come avamposto delle Film Commission

❤ Prodotti salutari al bar (piselli essiccati al forno)

La chicca:

Nelle Anteprime al Buio a volte abbiamo una tasso di gradimento del pubblico di 82-84%. Molto affermano che non sarebbero venuti a vedere quel film in sala e ci dicono “Cavolo, mi sarei perso qualcosa di bello!”Gérôme Bourdezeau

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *