Appena fuori dal centro di Modena ci fermiamo per visitare un multiplex consigliatissimo da alcuni amici esercenti, il Cinema Victoria. Ci accolgono Jessica, direttrice, e Silvia, vicedirettrice.

Appena entrati al Victoria, ci si rende conto che la passione per il cinema trasuda dagli allestimenti nella hall, dai dettagli cinefili disseminati sulle scale, sui muri, nei bagni. Nato nel 2008, il cinema ha 10 schermi (tra cui uno dei pochi Atmos dell’Emilia-Romagna) ed è situato dentro un distretto commerciale. Appartiene ad una piccola catena (altre strutture a Faenza e Correggio) che però non ha un brand omologante.

“Nel 2019 non si possono fare solo film.” ci racconta Jessica che dopo aver iniziato come cassiera è diventata, a soli 25 anni, la direttrice del cinema. “Ci piace far vivere allo spettatore l’immaginario del film che vuol vedere già prima che entri in sala”.

L’evento che ha dimostrato chiaramente la potenzialità di questa visione è stata la maratona Harry Potter, in onore del 20ennale dell’uscita del primo libro. Ogni settimana si facevano due proiezioni (sabato e lunedì sera) di un episodio della saga. L’idea vincente è stata aggiungere un’esperienza immersiva: per il primo episodio lo staff ha ricreato il binario 9 e ¾ nella hall, per il secondo episodio degli arredamenti nei bagni (i fan di Harry capiranno perché), poi la ricostruzione di Diagon Alley, il cappello parlante …. Il successo è stato tale da dover aggiungere proiezioni con una media di 1500 spettatori a film (il format è stato poi copiato da altri cinema), nonostante la saga passasse in tv nello stesso periodo. Le sagome si trovano tutt’ora nei tre piani di hall del cinema, a fianco di altre più recenti: per Star Wars hanno ricreato la Morte Nera, per l’ultimo Toy Story un Forky di un metro e mezzo con cui scattare foto ricordo.

L’uscita di ogni film importante viene da allora “eventizzata”: la prima sera di programmazione è detta “Première” e vengono distribuiti dei gadget costruiti dallo staff del cinema. Per molti film vengono poi distribuiti dei segnalibri creati sempre in interno.

Le animazioni possono essere anche in sala (compagnia teatrale per Aladdin, dei trampolieri per Dumbo,…). Inoltre lo staff ci mette la faccia. Per la versione Sing Along di Bohemien Rapsody Jessica si è vestita da Freddy Mercury e ha imitato la celebre scena del Live Aid (in ben 6 sale!). Sulla loro seguitissima pagina Fb trovate il video e vari spot di lancio di altri Blockbuster dove il team è spesso davanti alla telecamera.

Tutte queste attività, assieme ad una comunicazione molto personale sui social, hanno cambiato la percezione e il rapporto con il pubblico, nonostante stiamo parlando di centinaia di migliaia di persone all’anno. Secondo Jessica sono stati questi i motivi per cui oggi il Victoria è il multiplex più frequentato dell’Emilia Romagna, ed ha avuto il tasso di riempimento delle sale più alto d’Italia nel 2019, nella categoria multiplex.

Tra gli altri eventi il “Pijama & Donuts party”, le rassegne per gli Oscar o di film in lingua inglese. Colpisce poi la cura dei dettagli e la passione dello staff nel loro lavoro. Cosa non scontata, sono presenti i bidoni della raccolta differenziata al bar. Assieme alle altre sale cittdine (Sala Truffaut, Filmstudio 7B,…) Modena sembra una grande città per i cinefili!

🍑  “Première” di film con gadget creati apposta dal team

🍑  Lo spettacolo inizia prima di entrare in sala: decorazioni e attività a tema

🍑  Decorazione cinefila degli spazi

🍑  Struttura completa (bistro, libreria, sala giochi, …)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *